nsd.it news sicurezza e difesa
Periodico di informazione on line
Home arrow FORZE DI POLIZIA arrow SICUREZZA: DURO ATTACCO DEI SINDACATI DI POLIZIA CONTRO I TAGLI PREVISTI DAL GOVERNO

SICUREZZA: DURO ATTACCO DEI SINDACATI DI POLIZIA CONTRO I TAGLI PREVISTI DAL GOVERNO

PDF Stampa E-mail
di: Redazione Nsd   
venerdì 21 novembre 2008
Sindacati di polizia all'attacco contro i tagli previsti dal Governo per il Comparto Sicurezza e Difesa. Il Coisp ha inviato una lettera aperta a tutti i politici criticando apertamente la copertura finanziaria per il provvedimento sulla "specificità" che porterà 13 centesimi di euro al giorno nelle tasche degli operatori delle forze dell'ordine. Critiche anche dalla Consap per la quale "il governo Berlusconi ripropone la stessa minestra riscaldata di pochi euro di aumento stanziati dal precedente governo Prodi".


Sap
, Sappe e Sapaf hanno chiesto la convocazione urgente di Sindacati e Cocer per discutere delle risorse che il Governo intende mettere in campo per il rinnovo del Contratto, per la specificità e il riordino delle Carriere.

COMUNICATO COISP

400 milioni di euro era la somma che durante la passata legislatura l’attuale compagine governativa chiedeva all’allora Governo di centro-sinistra di stanziare per la specificità delle Forze dell’Ordine. Adesso, una volta preso il “comando” del Paese grazie anche ai voti delle Forze dell’Ordine e dei loro familiari, il Governo rappresentato dalle SS.LL. ritiene che 12 milioni di euro l’anno siano sufficienti a garantire dignità al personale della Polizia di Stato, chiamato a rischiare la propria vita ogni giorno e ad immolarsi per salvaguardare quella dei cittadini tutti. 12 milioni di euro l’anno: questo il compenso per la “specificità” del lavoro dei Poliziotti, che i predetti peraltro dovrebbero dividere con il personale del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco e che quindi, al netto, significa un riconoscimento di appena 4 euro al mese….. la vergognosa somma di 13 centesimi di euro al giorno!!!!

E’ evidente a questo punto, Signor Presidente del Consiglio, Signori Ministri e Signori parlamentari della maggioranza di governo, che a Voi tutti sia sfuggito il reale significato da attribuire al termine “specificità” e che, forse distratti dall’asserita, ma errata, conoscenza delle problematiche e dei diritti dei poliziotti da parte di qualcuno di Voi (proveniente anche dalle nostre fila), o di qualche pseudo-sindacato di Polizia disattento ai propri obblighi, abbiate ritenuto che la specificità del nostro lavoro, i rischi che siamo costretti ogni giorno a correre, l’impiego in condizioni ambientali pericolose per la nostra incolumità, possa essere pagata con una vera e propria elemosina di 13 centesimi al giorno!!!

Beh, Vi ringraziamo ma teneteveli! Tenetevi pure quei 13 centesimi al giorno di “specificità”! Utilizzateli per qualche pranzo o viaggio istituzionale, per aumentarvi il rimborso per le spese telefoniche che oggi ammonta alla misera somma annua di 3000 euro per i deputati e 4000 per i senatori (ma fare qualche convenzione no, vero?) o per incrementare il rimborso di oltre 15000 euro l’anno per i trasferimenti dal luogo di residenza a Roma (anche questa non ci sembra poca cosa visto anche che usufruite solamente di tessere per la libera circolazione autostradale, ferroviaria, marittima ed aerea…) o per qualsiasi altra vostra esigenza personale istituzionale.

13 centesimi al giorno per noi sono un’offesa. Questo vi sia chiaro, così come vi sia chiaro che i Poliziotti oggi non incrociano le braccia quando si trovano davanti ad un reato solamente perché la legge glielo impedisce, ma la voglia di lavorare che li pervade è tanta quanta la dignità che Voi state loro riconoscendo!!! Tenetevi quindi la somma stanziata per una miserevole “specificità”, atteso che non abbiamo alcun bisogno di ulteriori offese da parte dello Stato che ci onoriamo di rappresentare e che difendiamo anche morendo, e piuttosto adoperatevi, con urgenza, ad armonizzare il nostro stipendio con quello che oggi percepiscono i colleghi della Polizia Locale! Ad un Agente della Polizia Locale oggi viene riconosciuto uno stipendio tabellare base annuo lordo di € 18.695,75, mentre un Agente della Polizia di Stato ne percepisce € 15.733,24. Sono 2.962 euro all’anno di differenza….. 250 euro al mese che i Poliziotti prendono in meno di quanto riceve un Agente della Polizia Locale!!!! E sono i Poliziotti quelli che intervengono a seguito di rapina, nelle liti in famiglia prendendosi una coltellata al petto, nelle risse, che contrastano la criminalità organizzata e sono oggetto di vendette anche rivolte alle loro famiglie!!!! Dateci quelle 250 euro al mese che ci spettano per essere pagati quanto chi fa un lavoro rischioso,…. ma comunque meno rischioso del nostro!!! E’ il minimo che ci dovete, così come il minimo che dovete fare è quello di stanziare per la nostra “specificità” quei 400 milioni di euro l’anno che pretendevate quando eravate all’opposizione!!

COMUNICATO CONSAP

Il testo della legge finanziaria 2009, licenziato il 13 novembre scorso dall’aula della Camera dei Deputati, prevede lo stanziamento di 90 milioni di euro nel triennio 2009-2011 in base alla “specificità” delle forze di polizia stabilita recentemente dal ddl lavoro. Oltre a ciò sono stati assegnati 36 milioni di euro per il triennio 2009-2011 (12 milioni l’anno) all’Interno, per la polizia e i vigili del fuoco, identica somma alla Difesa per i carabinieri e metà alla Finanze per le fiamme gialle.

L’unica nota positiva è che gli anticipi degli aumenti, in attesa dei rinnovi del contratto, non potranno essere erogati con “atti unilaterali” del Governo ma “sentite le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative”. La Consap giudica il testo della legge finanziaria, ora all’esame del Senato, vergognosa ed assolutamente inaccettabile. Non si possono liquidare i solenni impegni assunti dalla maggioranza di governo durante la campagna elettorale con gli appartenenti alle forze di polizia, con lo stanziamento di risorse appena sufficienti ad assicurare aumenti mensili di pochi euro, oltre il tasso di inflazione programmata.

Purtroppo la storia si ripete e anche il governo Berlusconi sembra voler riproporre la stessa minestra riscaldata di pochi euro di aumento stanziati dal precedente governo Prodi. La Consap non intende accettare passivamente l’ennesima beffa, pertanto avvia da subito in tutta Italia lo stato di mobilitazione della categoria finalizzato ad ottenere le modifiche e le integrazioni necessarie del testo di legge finanziaria in discussione al Senato, con adeguati stanziamenti per il rinnovo del contratto e per il riordino delle carriere.

COMUNICATO CONSULTA SICUREZZA (SAP, SAPPE, SAPAF)

"Il nostro contratto di lavoro è scaduto dal dicembre 2007, devono essere ancora distribuite somme pari a 280 milioni di euro, stanziate dal precedente Esecutivo e relative al vecchio accordo economico - ha spiegato Donato Capece, presidente della Consulta Sicurezza. C'è, poi, la questione della nostra specificità, per la quale servono risorse adeguate e certamente non solo i previsti 90 milioni di euro nel triennio 2009-2011.

Una proposta insoddisfacente e quindi inaccettabile, che aumenterà di pochi euro mensili la busta paga dei poliziotti: meno di 5 euro al mese, che sono inaccettabili ed offensivi per chi quotidianamente rischia la vita per difendere lo Stato, le Istituzioni e i cittadini, esattamente come i 5 euro del Governo Prodi!

C’è infine il Riordino delle Carriere delle Forze di Polizia, un provvedimento che attendono da tempo tutti gli Operatori di Polizia. Vorremmo capire cosa prevede l’annunciata riforma delle carriere delle forze dell'ordine e delle forze armate annunciata dal Ministro Brunetta. Per questo sollecitiamo il Ministro Brunetta a convocare in tempi rapidi al Dipartimento della Funzione Pubblica la Consulta Sicurezza, gli altri Sindacati delle Forze di Polizia ed i Cocer delle Forze Armate."


Tags:  coisp sap sappe consap specificità comparto sicurezza e difesa

Condividi:
Digg! Reddit! Del.icio.us! Google! Live! Facebook! Technorati! Yahoo!
 

       
Ricerca in archivio
Newsletter sicurezza
Resta informato sui temi che ti stanno più a cuore.
Eipass
 
Editore Gea Srl
Articoli correlati

PERSEO 2010 S.R.L.
Via Po,162 – 00198 ROMA P. IVA: 11169991004
Tel. 06.8553130 - Fax 06.85831762