nsd.it news sicurezza e difesa
Periodico di informazione on line
Home arrow FORZE DI POLIZIA arrow RIORDINO DELLE CARRIERE: IL PARLAMENTO TORNA A DISCUTERNE. CHE SIA LA VOLTA BUONA?

RIORDINO DELLE CARRIERE: IL PARLAMENTO TORNA A DISCUTERNE. CHE SIA LA VOLTA BUONA?

PDF Stampa E-mail
di: Redazione Nsd   
lunedì 06 ottobre 2008
Il Parlamento proverà per l'ennesima volta a mettere mano al "riordino delle carriere di militari e poliziotti". Al Senato, il problema del riordino è stato inserito nella discussione sulla riforma Brunetta sulla produttività del lavoro pubblico. Alla Camera, invece, è stato presentato un disegno di legge ordinario. Il riordino delle carriere interessa 420mila dipendenti, tra Forze Armate e di polizia. Per ulteriori dettagli vi rimandiamo a questo interessante articolo de "Il Sole 24 Ore".


ARTICOLO DE IL SOLE 24 ORE (05.10.2008)

Il Parlamento ci prova per l'ennesima volta e stavolta in contemporanea sia la Camera dei deputati che il Senato. Ma a palazzo Madama il tentativo potrebbe andare davvero in porto. A Montecitorio, infatti, si discute di un disegno di legge ordinario, che rischia di impantanarsi. Al Senato, invece, la proposta contenuta in un emendamento di Filippo Saltamartini (Pdl) - primo firmatario, più altri venti senatori - si è infilata nella discussione sulla riforma Brunetta sulla produttività del lavoro pubblico. Ed è una norma di delega al Governo proprio per rivedere le carriere del personale delle Forze armate e delle Forze dell'ordine.

Si prevede l'unificazione del ruolo degli agenti e assistenti con quello dei sovrintendenti; la revisione di quello degli ispettori e del personale direttivo; la modifica dei ruoli dirigenziali; la «corrispondenza funzionale» tra il personale militare e di polizia e il restante pubblico impiego.

Sono in ballo per un provvedimento del genere 420mila dipendenti, tra Forze Armate e di polizia, e lo scoglio maggiore sarà l'onere derivante dalla revisione di gradi e avanzamenti di carriera. «Ma l'idea è di rendere coerente questa riforma con un provvedimento più generale di efficienza del pubblico impiego» spiega Saltamartini. Aggiunge Nicola Tanzi, responsabile del Sap (sindacato autonomo di polizia):”E’ una misura importantissima perché riqualifica la posizione e il lavoro delle forze dell'ordine, a cominciare dagli ispettori di polizia».

Un'altra novità per il settore arriva dalla Camera: sul disegno di legge 1441, collegato alla manovra di finanza pubblica, è passato un emendamento di maggioranza, approvato all'unanimità, che riconosce la «specificità» di militari e poliziotti «ai fini della definizione degli ordinamenti, delle carriere e dei contenuti del rapporto d'impiego e della tutela economica, pensionistica e previdenziale».

M.Lud.

Tags:  riordino carriere polizia forze armate

Condividi:
Digg! Reddit! Del.icio.us! Google! Live! Facebook! Technorati! Yahoo!
 

       
Ricerca in archivio
Newsletter sicurezza
Resta informato sui temi che ti stanno più a cuore.
Eipass
 
Editore Gea Srl
Articoli correlati

PERSEO 2010 S.R.L.
Via Po,162 – 00198 ROMA P. IVA: 11169991004
Tel. 06.8553130 - Fax 06.85831762