nsd.it news sicurezza e difesa
Periodico di informazione on line
Home arrow FORZE DI POLIZIA arrow PER UN POSTO IN POLIZIA, 4 ANNI NELL'ESERCITO

PER UN POSTO IN POLIZIA, 4 ANNI NELL'ESERCITO

PDF Stampa E-mail
di: Redazione Nsd   
mercoledì 11 aprile 2012
(Avvenire) - C'è tanta rabbia. C'è chi fin da bambino sognava di indossare una divisa. Hanno vinto un concorso in polizia per servire lo Stato e costruirsi un futuro, una casa, mettere su famiglia e figli. Invece una legge-beffa li costringe a dover scontare quattro anni nell'esercito, in marina o nell'aeronautica per poter coronare il loro sogno. In 1.600 si ritrovano in questa condizione precaria. Tanto che oggi è stata organizzata una giornata di protesta con il sindacato Ugl Polizia a Roma in piazza Colonna...



 



 
Tra di loro anche un aspirante giovane agente di una città del Nord, che vuole rimanere anonimo: «Ho scelto di diventare poliziotto per vocazione, non per altri motivi. Quando scegli di diventare poliziotto devi avere ben presente il senso del dovere e dello Stato e, per affrontare gli infiniti sacrifici che ti chiederanno, devi sentirlo dentro. Il mio percorso di studi è finito alle superiori con il diploma di perito informatico».

A lui è toccato di svolgere il servizio negli alpini, dove si fatica tanto, fino al punto di alzarsi la mattina e pensare di mollare tutto: ma è proprio in quei momenti che pensi a cosa vorresti diventare e cerchi di farti forza anche se non è facile.

La legge è entrata in vigore quando è stata eliminata la leva obbligatoria. In sostanza chiunque voglia accedere alle carriere iniziali delle forze di polizia deve svolgere un anno nelle forze armate per poter concorrere ai vari concorsi (si ha tra l'altro una sola possibilità all'anno, quindi bisogna ben pensare a quale si partecipa e mettere in conto che potrebbe andar male e dover aspettare un altro anno). In caso si risulti vincitore è prevista la divisione in aliquote: il 55% parte direttamente a frequentare il corso e quindi si ritroverà dopo circa un anno poliziotto a tutti gli effetti, il 45% deve transitare in una delle tre forze armate e aspettare ben quattro anni prima di accedere al corso.

«Alla fine di questi quattro anni - spiega il nostro interlocutore - verranno rifatte le visite di mantenimento dei requisiti fisici e se nel corso di addestramenti o incidenti si perdesse l'idoneità anche il posto di lavoro andrebbe a farsi benedire senza più nessuna tutela. Per non parlare poi di differenze di stipendi, la mancanza di 13 mensilità e la tutela sindacale».

Il tam tam della protesta è anche rimbalzato sui social media: esiste un gruppo su Facebook, "Seconde Aliquote Unificate", dove tramite alcuni rappresentanti che si interfacciano con il sindacato Ugl Polizia avviene un confronto quotidiano. Si spera in un decreto da parte del ministro dell'Interno per essere assunti subito.

di Maurizio Carucci

 

Tags:  polizia di stato concorso precari forze armate ugl seconde aliquote unificate

Condividi:
Digg! Reddit! Del.icio.us! Google! Live! Facebook! Technorati! Yahoo!
 

       
Ricerca in archivio
Newsletter sicurezza
Resta informato sui temi che ti stanno più a cuore.
Eipass
 
Editore Gea Srl
Articoli correlati

PERSEO 2010 S.R.L.
Via Po,162 – 00198 ROMA P. IVA: 11169991004
Tel. 06.8553130 - Fax 06.85831762