nsd.it news sicurezza e difesa
Periodico di informazione on line
Home arrow ESTERI arrow TERZI, VIA DALL'AFGHANISTAN ENTRO FINE DEL 2014. CASO MARO': "CON L'INDIA UN'OMBRA CHE VA RIMOSSA"

TERZI, VIA DALL'AFGHANISTAN ENTRO FINE DEL 2014. CASO MARO': "CON L'INDIA UN'OMBRA CHE VA RIMOSSA"

PDF Stampa E-mail
di: Redazione Nsd   
giovedì 21 giugno 2012
(Il Tempo) - Dal caso marò a Rossella Urru, dalla situazione in Siria e Afghanistan al fronte immigrazione. Doppio intervento del ministro Giulio Terzi sulle principali questioni internazionali che vedono coinvolta l'Italia. Il primo ieri mattina nel corso della trasmissione Radio Anch'io, il secondo davanti alle Commissioni esteri del Parlamento riunite a Palazzo Madama. Confermata la fine delle operazioni italiane in Afghanistan: il ritiro delle nostre truppe è fissato per il 2014. "C'è un ruolino di marcia confermato dal vertice Nato di Chicago dove abbiamo preso un impegno finanziario per il 2014-2017. Siamo legati al principio fondamentale della solidarietà, tra europei e tra alleati. Il ripiegamento delle nostre forze avverrà in un contesto di progressiva transizione entro la fine del 2014"...

 






Per quanto riguarda la presenza dei militari italiani in Libano, invece, i tempi di un eventuale ritiro sono incerti, anche alla luce del «quadro più fragile» dell'area e di quello che sta accadendo in Siria. E proprio la crisi del Paese mediorientale è fonte di grande preoccupazione. L'Italia, ha precisato Terzi, è disponibile per continuare a contribuire alla missione degli osservatori e «da diverse settimane sta lavorando affinchè la Russia sia coinvolta maggiormente» a una soluzione: «Non ci si può limitare a un contesto Nato ed Europeo, ma dev'esserci un contesto più ampio che non può non essere il consiglio di sicurezza Onu», ha aggiunto. Russia e Iran sono due realtà chiave, insieme alla Lega araba, nella ricerca della soluzione. «È difficile immaginare una riedizione della Libia, che non sarebbe attuabile se non a costi immensi di conflagrazione regionale». I timori sono anche per possibili ondate di rifugiati verso le nostre coste attraverso l'Egitto.

A proposito di immigrazione, Terzi ha chiarito che i respingimenti in mare non sono nell'agenda del governo.

Per quanto riguarda i marò, il responsabile della Farnesina ha ammesso che «abbiamo una grande difficoltà con l'India» ma «è in atto un negoziato sul quale ho motivi di fiducia. È un grosso problema che si è creato a causa di una trappola costruita a livello locale nei confronti della Lexie. Non si può cambiare radicalmente il rapporto tra due Paesi amici come Italia e India, ma questa è un'ombra che va rimossa, i nostri uomini devono tornare a casa». Per il ministro «ci sono stati progressi significativi sul piano delle procedure legali». Quanto alla cooperante italiana rapita in Algeria a ottobre, «sappiamo che Rossella Urru è in buone condizioni - ha detto - Ho motivo di ritenere che sia vicina la soluzione, ma non voglio dare falsi segnali», invitando alla riservatezza. Infine, Terzi ha dichiarato che l'Africa è la «nuova frontiera su cui lavorare» per la politica estera italiana.

 

Tags:  giulio terzi esteri marò afghanistan rossella urru libano

Condividi:
Reddit! Del.icio.us! Google! Live! Facebook! Technorati! Yahoo!
 

       
Ricerca in archivio
Newsletter sicurezza
Resta informato sui temi che ti stanno più a cuore.
Eipass
 
Editore Gea Srl
Articoli correlati

PERSEO 2010 S.R.L.
Via Po,162 – 00198 ROMA P. IVA: 11169991004
Tel. 06.8553130 - Fax 06.85831762